Home Finanza Locale
EDITORIALE N.31 - Finanza Locale E-mail

di Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (IRES Piemonte)

City money

Questo numero di Politiche Piemonte è dedicato alla finanza degli enti territoriali. Trae spunto dalla presentazione (il 5 dicembre a Bari ed il 23 gennaio a Milano) del X rapporto 'La finanza territoriale in Italia'. Un'opera unica che si è sviluppata attraverso la partnership di sei istituti di ricerca, l'IRES Piemonte, Eupolis Lombardia, Liguria Ricerche, l'IRPET della Toscana, l'IPRES pugliese ed SR Mezzogiorno, ente di emanazione bancaria.

Leggi tutto...
 
Una lunga e difficile congiuntura E-mail

di Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (IRES Piemonte)

 

L'ultimo rapporto "La finanza territoriale in Italia – 2014" (d'ora in poi RFT) dedica diversi suoi capitoli all'analisi della situazione finanziaria degli enti locali e degli sviluppi della normativa che li riguarda, un cantiere che rimane sempre aperto.

Leggi tutto...
 
La finanza degli enti locali piemontesi E-mail

di  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (IRES Piemonte)

I comuni

La dinamica delle risorse. Fino al 2013 il volume degli incassi è rimasto sostanzialmente stazionario, nonostante le modifiche intervenute nella fiscalità immobiliare. Nel 2013 l'andamento delle entrate proprie risente delle vicende dell'IMU, introdotta nel 2012 ma sospesa nell'anno successivo: a fronte del mancato gettito IMU, -440 milioni, lo Stato interviene a compensazione con +450 milioni; inoltre per favorire il pagamento dei debiti progressi con i fornitori viene data la possibilità di anticipazioni di tesoreria, con interessi in parte a carico dello Stato stesso.

Leggi tutto...
 
L’attuazione in Piemonte della legge 56/2014: il riordino delle funzioni delle province E-mail

a cura di Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Segretario Unione Province Piemontesi)

Il riordino delle funzioni delle Province

La legge 7 aprile 2014, n. 56 ha riordinato in modo formale e sostanziale la disciplina statale sulle Province. Per gli aspetti relativi alla forma di governo e all'assetto funzionale, esse sono state trasformate in enti a legittimazione democratica indiretta, strettamente legati da un rapporto di interdipendenza politica, funzionale e induce anche organizzativa con i Comuni delle loro circoscrizioni territoriali, che la riforma considera quali istituzioni "base dell'ordinamento democratico".

Leggi tutto...
 
Area metropolitana: un’agenda di lavoro per la nuova partizione fiscale E-mail

di Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Ires Piemonte)

Introduzione

L'economia urbana ha dimostrato quanto sia determinante il ruolo delle città quali incubatori della crescita economica, dell'efficienza e dell'innovazione. Gli effetti di traboccamento della crescita urbana si disperdono nelle regioni (non solo quelle di appartenenza) e più in generale negli stati. Prevalgono, in particolare nelle aree più grandi, quei fattori di agglomerazione che agevolano l'efficienza produttiva, l'innovazione e la condivisione dei benefici materiali e immateriali a favore dei settori produttivi in esse localizzati.

Leggi tutto...
 
La nuova contabilità fra rischi, opportunità e resistenza al cambiamento E-mail

di Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Regione Piemonte)

Introduzione

Da quest'anno, i bilanci di regioni ed enti locali cambieranno pelle. Lo prevede la riforma della contabilità pubblica varata dal dlgs 118/2011 (recentemente modificato dal dlgs 126/2014), le cui disposizioni sono applicabili a decorrere dal 1° gennaio 2015. Si tratta di una rivoluzione finora rimasta sotto traccia e perlopiù confinata nel mondo dei "ragionieri" pubblici. Ma le sue implicazioni andranno ben oltre.

In estrema sintesi, la riforma (che è stata portata avanti in parallelo anche per le altre amministrazioni pubbliche) si prefigge due obiettivi di fondo:

Leggi tutto...